Registrati subito per non perdere nuove offerte di lavoro!
REGISTRATI
Blog e News

Istat: a marzo 2022 occupazione a livelli record

VENERDÌ 03 GIUGNO 2022 | Lascia un commento
Foto Istat: a marzo 2022 occupazione a livelli record
Scritto da Stefania Pili
Il tasso di occupazione rimane stabile, mentre gli occupati si assestano a a quota 23 milioni.


Istat: a marzo 2022 occupazione a livelli record: rispetto al mese precedente, infatti, la crescita del numero degli occupati è andata di pari passo con la diminuzione dei disoccupati e degli inattivi. Gli occupati restano sopra la quota dei 23 milioni, mentre il tasso di occupazione resta stabile al 59,9%, la percentuale record registrata a marzo 2022.


Leggi anche: “Bonus 200 euro: chi lo riceverà automaticamente e chi dovrà richiederlo

Vola il livello di occupazione

Quello che l'Istat ha registrato è un vero e proprio valore record: il numero degli occupati in Italia a marzo 2022, infatti, è bene superiore di 81mila unità rispetto a febbraio e di 804mila a marzo 2021. Inoltre, il tasso di occupazione è salito al 59,9% con un +0,3 punti, al livello record dall'inizio del 2004.

Inoltre, confrontando i dati del primo trimestre 2022 con quello del 2021, si registra un aumento del tasso di occupazione del 0,6% con 133mila occupati in più. Quest'ultimi si assestano a un livello sopra i 23 milioni (23.040.000). Rispetto a febbraio ci sono 103mila dipendenti permanenti in più.

Ad aprile è aumentata l'occupazione dipendente a termine: i dipendenti a termine, infatti, hanno raggiunto quota 3 milioni, 166mila con un aumento di 9mila unità a marzo e un aumento di 354mila unità ad aprile 2021 (+12,6%), oltre la metà dell’aumento complessivo degli occupati (+670mila in un anno). Si tratta del numero più alto mai registrato dal 1977 per quanto riguarda il numero degli occupati dipendenti a termine.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Lavori stagionali estivi: quali sono i contratti da stipulare?

La disoccupazione scende

A marzo la disoccupazione è scesa all'8,3% con un calo di 0,2 punti a febbraio e di 1,8 punti a marzo 2021, con livelli simili a quelli registrati nel 2010, mentre sale al 24,5% tra i giovani (+0,3 punti). I disoccupati sono 2 milioni 74mila. Il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce (-72mila unità) per gli uomini, le donne e per tutte le classi di età. Il tasso di inattività scende al 34,5% (-0,2 punti). 

L'Istat ha evidenziato come i disoccupati siano 2 milioni 94mila con un calo di 17mila unità rispetto a marzo e di 428 mila unità ad aprile 2021. Aumentano le donne disoccupate (+22mila) su base mensile, mentre diminuiscono gli uomini disoccupati (+31mila). Il tasso di disoccupazione della donne ad aprile sale al 9,6% (+0,2 punti), mentre quello degli uomini cala al 7,4% (-0,3 punti).

 

Se sei alla ricerca di un lavoro, iscriviti subito su AppLavoro, crea direttamente dal portale il curriculum vitate e una breve video-presentazione, cerca fra centinaia di offerte di lavoro in tutta Italia e candidati in maniera facile, veloce e completamente gratuita.

 

Consulta anche: “Al via la doppia iscrizione ai corsi di laurea: cosa cambierà?



LinkedIn
Whatsapp
LASCIA UN COMMENTO
Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità alle vigenti norme sulla privacy. Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy
INVIA COMMENTO