Registrati subito per non perdere nuove offerte di lavoro!
REGISTRATI
Blog e News

Al via la doppia iscrizione ai corsi di laurea: cosa cambierà?

VENERDÌ 27 MAGGIO 2022 | Lascia un commento
Foto Al via la doppia iscrizione ai corsi di laurea: cosa cambierà?
Scritto da Stefania Pili
Poter frequentare contemporaneamente due facoltà universitarie, anche magistrali, è finalmente una realtà effettiva per tanti studenti che desiderano approfondire diverse materie di studio senza alcun vincolo (o quasi).

 

Al via la doppia iscrizione ai corsi i laurea: cosa cambierà? In Italia è ormai diventata legge la possibilità di iscriversi a due corsi di laurea in contemporanea, sostituendo il vecchio decreto regio risalente addirittura al 1933. Lo stesso varrà anche per corsi di laurea magistrali, master, corsi di perfezionamento e istituti di alta formazione, musicale e coreutica, anche se con alcuni vincoli.

 

Leggi anche: “Lavori stagionali estivi: quali sono i contratti da stipulare?

Come funziona l'iscrizione contemporanea a due corsi

La rivoluzione dal punto di vista della formazione sta finalmente prendendo forma. Il testo della legge pubblicato in Gazzetta Ufficiale permetterà, infatti, di iscriversi a due distinti corsi di laurea, anche magistrale o master, o anche presso più università, scuole o istituti superiori a ordinamento speciale.

La legge sulla doppia laurea consente all'Italia di adeguare la propria normativa a quelle della maggior parte dei Paesi Europei, consentendo quindi agli studenti di iscriversi simultaneamente a più corsi. L'obiettivo è quindi permettere l'interdisciplinarità e, di conseguenza, formare le figure professionali del futuro con maggiori competenze e abilità specifiche per entrare nel mondo del lavoro con più facilità e rapidità.

L'approvazione definitiva del disegno di legge “Disposizioni in materia di iscrizione contemporanea a due corsi di istruzioni superiore” consentirà, pertanto, di iscriversi a due corsi di laurea contemporaneamente a partire dal prossimo anno accademico, e saranno consentite sia presso istituzioni italiane che quelle estere, ma anche negli atenei telematici.

 

Consulta anche: “Il Made in Italy alla ricerca di talenti: cosa cercano le aziende?

Regole e vincoli

Si potrà iniziare a studiare per poter ottenere la doppia laurea congiunta a partire dal prossimo Anno Accademico 2022-2023, potendosi iscrivere rispettivamente a:

  • 2 diversi corsi di laurea (triennale), di laurea magistrale o di master, anche presso più università, scuole o istituti superiori a ordinamento speciale (compresa una laurea triennale in contemporanea a una specialistica);

  • 2 corsi di diploma accademico, di primo o di secondo livello, presso le istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) – sarà possibile in contemporanea anche un corso di laurea AFAM e un corso di laurea presso l'Università;

  • 1 corso di dottorato di ricerca o master e 1 corso di specializzazione medica.

Ci sono, tuttavia, dei vincoli da rispettare. Non ci sarà infatti la libera scelta sul doppio corso: questo significa che ci sarà l’impossibilità di iscrizione a due corsi di laurea appartenenti alla stessa classe e ai corsi di specializzazione medica, né allo stesso master e nemmeno di diversi atenei. In sintesi, sarà possibile comunque iscriversi a un corso di laurea anche magistrale e contemporaneamente a un master o dottorato di ricerca, ma con eccezione dei corsi di specializzazione medica.

 

Cosa cambia con la doppia laurea in fatto di burocrazia e tasse? Nel caso di doppia iscrizione a diversi corsi di laurea in Italia, lo studente potrà beneficiare di borse di studio solo per uno dei corsi scelti, ma allo stesso tempo potrà ricevere un esonero totale o parziale delle tasse universitarie per entrambe le iscrizioni.

 

Ti potrebbe interessare anche: “5 consigli per riuscire a lavorare e studiare contemporaneamente



LinkedIn
Whatsapp
LASCIA UN COMMENTO
Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità alle vigenti norme sulla privacy. Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy
INVIA COMMENTO