Blog e News

Le 100 donne italiane più influenti secondo Forbes: un tripudio di talento e successo

MARTEDÌ 24 SETTEMBRE 2019 | Lascia un commento
Foto Le 100 donne italiane più influenti secondo Forbes: un tripudio di talento e successo
Scritto da Stefania Pili

Manager e imprenditrici di successo, campionesse dello sport, giovani e affermate attrici e conduttrici sia della tv che del cinema: queste sono solo alcune delle categorie vincenti per quanto riguarda le 100 donne italiane più influenti secondo Forbes. Le personalità più vincenti che guidano un potere italiano tutto al femminile in grado di valorizzare al meglio le proprie abilità con tanta determinazione e sacrificio. 

 

Leggi anche: “gli under 30 italiani più influenti in Europa secondo Forbes: un vero e proprio orgoglio nazionale

 

Oggi però vogliamo parlare più nel dettaglio di donne che non sentiamo citare così tanto spesso come altre presenti nella lista. Questo capita per una questione di maggiore visibilità senza dubbio, molte appaiono quotidianamente nei nostri schermi e la loro vita è il più delle volte fonte di ispirazione per i rotocalchi nazionali. Vediamole insieme:

 

  • Anna Zegna: attuale presidente di Fondazione Zegna, ha studiato scienze politiche con specializzazione in Pubblicità e Marketing con un passato da responsabile delle pubbliche relazioni per Gianni Versace e come organizzatrice del flagship store di moda maschile a Milano per conto di Ermenegildo Zegna, l’azienda di famiglia. Non solo moda, però. La fondazione Zegna di cui è a capo, supporta e finanzia diversi progetti relativi a organizzazioni no profit seguendo le orme del nonno Ermenegildo, sostenendo un miglioramento concreto della qualità della vita delle persone sia in Italia che nel mondo. Si parla principalmente di educazione, tutela ambientale e sviluppo sociale in India, Cina e Africa. Anna si occupa anche di Oasi Zegna, organizzazione per la conservazione e lo sviluppo del paesaggio e delle tradizioni italiane.

 

  • Francesca Pasinelli: Direttore Generale della Fondazione Telethon dal 2009, bresciana classe 1960 con quasi vent’anni di esperienza alle spalle in un’azienda farmaceutica e una laurea e una specializzazione conseguita nello stesso settore. Non è stato sicuramente facile prendere le redini dell’impero lasciato da Susanna Agnelli e Luca Cordero di Montezemolo, ma l’esperienza maturata come direttore scientifico della stessa Telethon ha consentito a Francesca di maturare e raggiungere dei traguardi eccezionali. Raccoglie  infatti importanti fondi per la ricerca scientifica per la distrofia muscolare e altre malattie genetiche, in seguito introduce un metodo innovativo di assegnazione dei fondi in base a specifici criteri di qualità e trasparenza con un modello di gestione dei progetti che ha permesso di potenziare le terapie anche grazie a programmi di trasferimento tecnologico. Nel 2005 ha vinto anche il Premio Marisa Bellisario, nel 2007 l’onorificenza di Commendatore al Merito della repubblica Italiana, e nel 2018 il Premio Sonia Skaralatos Public Service Award (American Society for Gene and Cell Therapy).

 

  • Sonia Peronaci: milanese classe 1967, fondatrice insieme al compagno Francesco Lopes nel 2006 del sito web e del video-blog di Giallo Zafferano, un progetto di enorme successo che successivamente viene acquisito da Banzai nel 2009. Nel 2011 mostra tutta la sua bravura ai fornelli in diverse trasmissioni televisive anche attraverso video-ricette e consigli utili per la cucina. La Peronaci comincia subito a destreggiarsi in cucina fin da piccola dall’età di sei anni nel ristorante del papà e da lì si può dire che non abbia mai smesso! Il suo desiderio di raccontare la propria visione della cucina è diventato prima una passione e poi un vero e proprio lavoro che continua a ispirare tantissimi appassionati. 

 

 

  • Micaela Le Divelec: Direttore Generale del brand di moda Ferragamo, una manager con una lunga e ricca esperienza nel settore luxury e fashion. Dopo il lavoro durato vent’anni al Gruppo Kering, entra in Gucci nell’area Finanza diventando poi CFO nel 2008 ed Executive Vice President e Chief Corporate Operations Officer nel 2013. L’anno successivo diviene CEO di Richard Ginori (Gruppo Kering) fino al 2015. Nell’aprile 2018 la svolta: lascia Gucci ed entra nella famiglia di Salvatore Ferragamo come Direttore Generale, nominata nel corso del Consiglio di Amministrazione. Micaela è cresciuta a Firenze, si è laureata nel 1992 in Economia e Commercio nella sua città e oggi, oltre che essere una manager di grande successo, è sposata ed è mamma di due ragazzi. 

 

  • Ulrika Wikström: italiana d’adozione, decide di iniziare la sua esperienza professionale in Italia nel 2003, dopo un passato nel marketing prima in Francia e poi negli Stati Uniti come Direttrice Marketing internazionale di Maybelline. In Italia viene poi scelta da Giorgio Armani e da Helena Rubinstein fino ad approdare alla Direzione marketing di Lancôme e nel 2011 di Yves Saint-Laurent. Dal 2012 è il General Manager di Lancôme Italy-L’Oreal.

 

  • Elisa Pagliarani: General Manager di Glovo Italia, l’innovativo servizio di delivery, progetto che è diventato un vero e proprio punto di riferimento per i consumatori che desiderano ricevere determinati prodotti direttamente a casa, dalla prima colazione ai detersivi, dai prodotti per la cura della persona fino ai vestiti appena usciti dalla lavanderia. Glovo è senza dubbio uno delle App più gettonate che consente in modo rapido di ricevere e inviare qualsiasi prodotto; per ora il servizio è disponibile a Milano, Roma, Torino, Napoli, Firenze, Bologna, Palermo, Catania, Bari, Monza, Genova, Verona, Padova, Bergamo e in 22 Paesi in tutto il mondo. Il progetto conta però di espandersi non solo nelle grandi città ma anche in realtà più piccole dove verrà introdotto inizialmente solo il servizio di food-delivery. 

 

Leggi anche: “le startup più innovative in Italia nel 2019; unosguardo alla rivoluzione 100% made in Italy

 

  • Cristina Scocchia: classe 1973, originaria di Coldirodi (vicino Sanremo), oggi Cristina è Amministratore Delegato di Kiko S.p.A. Il suo è stato un percorso davvero ricco di esperienze: si laurea in Gestione di Imprese Internazionali presso l’Università Bocconi specializzandosi successivamente in Business Administration a Torino, inizia poi la carriera in Procter&Gamble dal 1997 salendo di livello anno dopo anno fino a quando nel 2012 viene nominata Responsabile Cosmetics International Operations Division, per supervisionare i marchi dell’azienda a livello mondiale. Nel 2013 diventa Amministratore Delegato di L’Oréal Italia S.p.A e dal 2014 al 2017 riceve l’incarico di Amministratore Delegato. Oggi guida sapientemente Kiko, una delle più grandi aziende di cosmetici, creme e smalti in Italia. 

 

  • Laura Cioli: nata nel 1963, laureata in Ingegneria Elettronica nel 1988 presso l’Università di Bologna, diventa poi ingegnere e consegue un Master in Business Administration alla Bocconi. Dall’aprile 2018 ricopre il ruolo di Amministratore Delegato del Gruppo Editoriale GEDI, impresa italiana multicanale che opera nella stampa, radio, televisione e comunicazione digitale. Controlla per esempio i quotidiani La Stampa, Repubblica e il settimanale l’Espresso, oltre che essere proprietario di Radio Deejay, Radio Capitale e m2o e dei rispettivi canali tv. In precedenza Laura ha maturato numerose esperienze in aziende leader dei settori delle telecomunicazioni, servizi finanziari e management tra le quali Vodafone Italia, Sky Italia e Telecom Italia S.p.A. 

 

  • Marica Branchesi: astrofisica laureata in astronomia nel 2002 con un dottorato di ricerca presso l’Università di Bologna. Nel 2006 si specializza in radioastronomia con particolare attenzione verso gli ammassi di galassie e i buchi neri, si trasferisce poi in California dove lavora al California Institute of Technology, un’esperienza che le permette di vincere un progetto del Miur. Rientrata in Italia, si dedica all’attività di ricercatrice all’Università di Urbino e poi come insegnante al Gran Sasso Science Institute. Attualmente continua a studiare le onde gravitazionali oltre che gestire il ruolo di Vice Presidente della Commissione di Astrofisica delle Onde Gravitazionali della International Astronomical Union.

 

 

Queste sono solo alcune delle storie di successo presenti nella classifica di Forbes. Per leggere la lista completa andate sul sito ufficiale e diteci cosa ne pensate, magari qualche vicenda che vi ha ispirato e che avete il desiderio di approfondire. Vi abbiamo voluto raccontare delle realtà diverse per potervi coinvolgere maggiormente in quelle che potrebbero diventare delle vere e proprie illuminazioni per ciò che volete raggiungere, un progetto innovativo, un percorso di studi differente che volete affrontare e via dicendo.

 

Per qualche consiglio utile vi rimandiamo ad alcuni precedenti articoli presenti nel nostro Blog, ad esempio: come creare una Startup innovativa” e “quali sono i possibili finanziamenti a riguardo

 

LinkedIn
Whatsapp
LASCIA UN COMMENTO
Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità alle vigenti norme sulla privacy. Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy
INVIA COMMENTO