Registrati subito per non perdere nuove offerte di lavoro!
REGISTRATI
Blog e News

I profili lavorativi più richiesti nei prossimi 5 anni

MARTEDÌ 16 APRILE 2024 | Lascia un commento
Foto I profili lavorativi più richiesti nei prossimi 5 anni
Scritto da Stefania Pili
Con una previsione di 3,1-3,6 milioni di nuove posizioni lavorative, il mercato del lavoro si appresta a una significativa espansione, caratterizzata da una crescente domanda di profili professionali specializzati e un'importante necessità di sostituzione dovuta ai pensionamenti.

 

I profili lavorativi più richiesti nei prossimi 5 anni. Nel panorama lavorativo italiano, si prospetta un'importante crescita della domanda di risorse umane nei prossimi cinque anni, secondo le previsioni dettagliate nel recente rapporto di Unioncamere e del Ministero del Lavoro sulle "Previsioni dei fabbisogni occupazionali e professionali in Italia a medio termine" per il periodo 2024-2028. Andiamo a scoprire tutti i dettagli.

 

Leggi anche: “Quali sono le aziende dove si lavora meglio in Italia nel 2024?

 

La domanda di lavoro in aumento

Le stime degli analisti indicano che sarà necessario un incremento compreso tra 3,1 e 3,6 milioni di nuovi lavoratori, a seconda dell'andamento macroeconomico, con una particolare enfasi sulle professioni tecniche e specializzate. Se da un lato si prevede una diminuzione della richiesta di operai non qualificati, dall'altro si assiste a una crescente domanda per figure professionali quali insegnanti, medici e ingegneri.

 

I profili specializzati in maggiore richiesta

Nei prossimi cinque anni, i profili intermedi, impiegati e professioni commerciali e dei servizi costituiranno circa un terzo del fabbisogno totale, mentre si prevede una domanda significativa di operai specializzati e conduttori di impianti. Emergono come particolarmente richiesti insegnanti di ogni ordine e grado, con un'attenzione speciale per le scuole primarie e secondarie, dato il considerevole numero di pensionamenti nel settore.


I settori chiave

Il settore privato si configura come il principale motore di questa crescita, contribuendo al 61% della domanda totale di lavoro, seguito dai dipendenti pubblici con il 22% e gli indipendenti con il 17%. È nei servizi che si registra la maggiore richiesta di nuove risorse, con una previsione di 2,5-2,8 milioni di unità necessarie nel periodo considerato.

 

Le sfide e le opportunità

Una delle sfide principali sarà rappresentata dalla necessità di sostituire i lavoratori che andranno in pensione, con percentuali che variano dal 72% all'84% per i dipendenti del settore privato. Ciò si tradurrà in nuove opportunità in alcuni settori, ma anche in criticità in altri, soprattutto quelli con un'elevata incidenza del settore pubblico.

 

Analisi regionale

A livello regionale, si osserva una distribuzione eterogenea della domanda di lavoro, con il sud e le isole che concentrano la maggior quota di fabbisogni occupazionali, seguite dal nord-ovest e dal nord-est, con la Lombardia che si distingue per il suo contributo significativo.

 

Alla luce di ciò che abbiamo visto, il panorama lavorativo italiano si prepara ad affrontare una fase di rinnovamento e crescita, con un'attenzione particolare verso le professioni specializzate e una necessità di adattamento alle nuove esigenze del mercato. È fondamentale che i futuri lavoratori si preparino adeguatamente per cogliere al meglio le opportunità offerte da questo scenario in evoluzione.

 

Consulta anche: “Cerchi lavoro? Usa i Social Network!

 

Fonte: Corriere della Sera



LinkedIn
Whatsapp
LASCIA UN COMMENTO
Acconsento al trattamento dei miei dati personali in conformità alle vigenti norme sulla privacy. Dichiaro di aver letto e accettato l'informativa sulla privacy
INVIA COMMENTO